Enel: la risposta non si é fatta attendere!!!!

GREVE IN CHIANTI – Distacchi di corrente nella zona di Mezzano (Greve): risponde E-distribuzione: “I lavori saranno effettuati non appena le condizioni meteo lo consentiranno, comunque non oltre la prossima settimana”.
CLICCA QUI SOTTO PER LEGGERE LA REPLICA DI E-DISTRIBUZIONE
Nell’azienda dove lavoravo io, se ben ricordo,  i comunicati stampa passavano per l’ufficio dell’amministratore delegato, o comunque con la sua approvazione !!!

Enel: Mancanza di corrente ripetuta e gravi disagi per decine di famiglie ed un agriturismo

Dopo cinque distacchi prolungati in meno di un mese e per motivi banali , ho scritto ai vertici dell’ azienda compreso Direttore generale-Amministratore delegato, come ero solito fare quando ero impiegato in altra grande Azienda. Posso assicurare che scavalcare la “linea gerarchica” è la cosa che li fa incazzare di più

disservizi-enel

ENEL: Un pessimo servizio

Enel, della quale non sono più cliente da anni, ha richiesto ad una mia amica straniera il pagamento di una bolletta  già  pagata nel 2011 ( ovvero dopo quasi sei anni), peraltro violando la legge, che stabilisce la prescrizione a cinque anni .  Questa ragazza, che vive all’estero, non potendo dimostrare subito il già avvenuto pagamento, ha dovuto pagare di nuovo, per evitare il distacco dalla rete e non erano spiccioli ma ben € 2038,93. Quando, dopo molte mie insistenze, hanno ritrovato il pagamento hanno mandato un assegno al padre morto (respinto) e non a lei che è l’intestataria della bolletta ed ora  cincischiano pure, con scuse pretestuose, a farle  un nuovo  bonifico. Appena sarò autorizzato, metterò in rete l’intera storia, che si compone di una dozzina di raccomandate.

Meditate gente e se potete, cambiate Gestore

Come annunciato a luglio, ho presentato una denuncia – querela contro ignoti* per il grave problema dei cinghiali

sulla nostra collina (e non solo), che fanno danni rilevanti all’ambiente e sono diventati un pericolo per le persone, anche di giorno.

Vista l’inerzia della Regione Toscana e della Provincia, era l’unica  possibilità che avevo, anche se verrà archiviata, ma resterà comunque ” a futura memoria”.

Naturalmente non ce l’ho con i cacciatori, che sono sempre i benvenuti dalla mie parti e che anzi dovrebbero essere incentivati a cacciare il cinghiale, magari con l’esenzione dell’imposta statale e regionale, anziché essere spesso sanzionati. Ricordatevi tutti che grazie alle politiche pseudo ambientalistiche che cominciano fin dalla scuola elementare, fra qualche anno fra di loro non ci sarà ricambio generazionale ed allora toccherà all’esercito intervenire per difendere le periferie delle città, ove questi  animali, già da ora e non raramente, si avventurano.

* A chi la richiede al mio indirizzo mail: gucci40@virgilio.it , ne sarà  inviata  copia .

Attuale cantiere in Piazza Vassallo a Greve in Chianti

Si tratta del normale rifacimento del tappetino impermeabilizzante che, a quanto pare la Ditta fece in modo scorretto, ovvero a risparmio e che secondo una delibera del 2009, dovrebbe essere a carico per metà del Comune e per l’altra dei proprietari dei garages sottostanti. Ma all’epoca dei lavori, in questo punto e fino quasi ai piedi della Biblioteca, fu fatta una grande fossa non protetta, che provocò l’avvallamento di tutta l’area  preposta alla fermata dei bus ( che venne spostata). Io mi preoccupai degli operai che vi lavoravano giorno e notte e nonostante notizie ufficiali, rassicuranti del Comune, mandai una informativa alla ASL servizio prevenzione infortuni, che provvedette   in merito, secondo la legge. Amen.

Altro discorso è l’inquinamento da idrocarburi  del vecchio consorzio agrario e la omessa, obbligatoria bonifica, della quale scriverò un’altra volta.