Referendum del 4 dicembre 2016

www.robertomigno.it

In questi mesi ho mantenuto un bassissimo profilo, non pubblicando niente su questo blog e pochissimo su Facebook.  Ma ho sempre appoggiato il fronte del  NO, perché non mi piaceva questa riforma e soprattutto non mi è mai piaciuto Renzi, fin da quando lo conobbi a Greve in Consiglio comunale, quasi 10 anni fa. Con questa riforma si sarebbe consegnato di fatto il Paese al PD  che, con l’aiuto delle Regioni e dei Sindaci, divenuti senatori, con tanto di immunità, poteva governare ad oltranza  il Paese, con appena il 30% dei voti: altro elemento di sospetto era che tutta la stampa, tutta la finanza e la Germania della Merkel, appoggiassero questa legge.  Ma  per fortuna ormai la Gente non si fida più ed ha altri strumenti di comunicazione per informarsi e per decidere liberamente; così è stato, nonostante la massiccia campagna governativa che è diventata insopportabile ed alla fine, ha ottenuto l’effetto contrario. Tutto questo mentre il Paese, ma soprattutto le persone, si impoverivano  ogni giorno di più. Quando cinque anni fa sono andato in pensione, prendevo una cifra x, che non era male. Con 600€  di credito sulla coop card, mia moglie faceva la spesa per tutto il mese; ora occorre aggiungere almeno  altri 200€ di Esselunga e la mia pensione dopo cinque anni è rimasta la stessa, per me come per migliaia di altri. Ed invano è intervenuta la Consulta che ha dato torto al Governo, sentenziando di pagare gli arretrati; con una leggina è stato aggirato il problema ed i pensionati sono rimasti a bocca asciutta, tranne  quelli come me che hanno presentato ricorso collettivo.  E ora quindi di cambiare registro e trovare un Governo che sappia affrancarsi dalle assurde regole europee che ci penalizzano, con buona pace del Presidente emerito, che non ha saputo stare nel ruolo che gli competeva, ne prima, esautorando un Presidente del Consiglio liberamente eletto con l’aiuto della Merkel, ne dopo, scavalcando continuamente il presidente in carica, che non è il massimo della fermezza e determinazione, che occorrerebbe per quel ruolo.

Ex Fornace Brunelleschi: naturalmente fui io a far decollare il processo penale

grazie ad un prezioso, quanto anonimo informatore, che ebbe l’ardire di venirmi a recapitare un CD,  pieno di foto, direttamente nella mia cassetta delle lettere. CD che, ovviamente inviai in Procura.  Riguardo all’articolo, commento che  la proprietà non adempirà alla richiesta del Comune di Bagno a Ripoli e sarà l’Ente a doversi far carico della spesa che supererà i fondi già stanziati.

Bene comunque che il Comune stia pensando di rivedere il piano urbanistico dell’area che prevedeva  la creazione di  decine e decine di appartamenti che, anche se fossero costruiti, rimarrebbero invenduti.

http://www.gazzettinodelchianti.it/articoli/approfondimenti/13633/notizie-su-bagno-a-ripoli/ordinanza-bonifica-amianto-capannuccia.php

Villette, case coloniche ed annessi agricoli in Mezzano oggetto di reiterati furti: novità

Gentile Sindaco, gentile Comandante,

vi invio la lettera per iniziare formalmente la procedura e per richiedere consensi da parte dei Frontisti la strada comunale di Mezzano e forse anche da parte di quelli di Sezzate. L’ennesimo furto perpetrato i danni della famiglia M******i tre giorni fa, il quarto  in poche settimane, ci stimola ad andare avanti con questo progetto ( per il quale ho già ricevuto una ventina di consensi), anche se sono consapevole che i tempi non saranno brevi, per i cambiamenti già previsti per la vostra centrale, per i quali deve essere indetta una gara di appalto. E’ ovvio comunque che noi procederemo autonomamente, finanziando il progetto con i Frontisti, dietro vostra indicazione sulle caratteristiche tecniche dei vostri futuri apparati. La presente viene inviata anche al Comando Carabinieri di Strada in Chianti, nello spirito di collaborazione che deve sempre contraddistinguere i rapporti fra il “cittadino ” e le Istituzioni.

 Cordiali saluti e Grazie.
 Roberto Migno
Mezzano 6 giugno 2016

villette e case coloniche a Mezzano di Greve in Chianti, oggetto di reiterati furti

Dopo un periodo di tranquillità, sono ripresi i furti nelle abitazioni di Mezzano, nel Comune di Greve in Chianti. Solo con la collaborazione dei frontisti è possibile debellare il fenomeno e quindi si invitano i residenti a prendere nota del numero di targa di qualsiasi veicolo sospetto, o non conosciuto ed a segnalarlo alle competenti Autorità, o eventualmente al sottoscritto. Ricordo a tutti che la nostra strada è praticamente senza sfondo ( a parte il prolungamento verso Pian della vite e quello verso Linari, entrambi non percorribili senza un fuori strada) e quindi è facile prendere in trappola eventuali malintenzionati, se segnalati in tempo alle Forze dell’Ordine. Altro possibile rimedio, da valutare con i Frontisti e con le Autorità  è quello di installare, a nostra cura e spese due telecamere wireless, alimentate da un pannello fotovoltaico, una all’inizio della strada di Mezzano e l’altra all’inizio della strada di Sezzate, in modo da  consentire ai Carabinieri di rintracciare i possibili ladri.  Se raggiungerò un certo numero di adesioni preliminari, per  finanziare l’iniziativa, come presidente di questo comitato, farò una richiesta di parere preventivo al Comando Provinciale dell’ Arma dei Carabinieri.

Altra iniziativa da prendere, per chi si sentisse in grado di farlo, è quella di andare in Comune a firmare per la  richiesta di Referendum popolare sulla “legittima difesa” .

Si raccomanda a tutti, anche per chi non è abituato a farlo, che ogni furto deve essere denunciato.

Villette e case coloniche in vendita a Mezzano e a Greve

sono 12(dodici) gli immobili in vendita  nella sola collina di Mezzano a dimostrazione della grave crisi immobiliare che ha colpito il nostro Paese. In oltre 50 anni che conosco e vivo su questa collina, mai avrei potuto ipotizzare una simile situazione. Accanto ad immobili di pregio, ce ne sono altri che non valgono assolutamente la cifra richiesta e quindi prima di fidarsi di chiunque, è bene rivolgersi all’Ufficio tecnico comunale che avrebbe l’obbligo di dare qualsiasi informazione in ordine alla regolarità dell’ immobile, o al sottoscritto che li conosce tutti, come illustrato nei miei precedenti post.