Strada di Mezzano ultime novità

www.robertomigno.it

Lettera ai Frontisti strada comunale di Mezzano

A seguito di un lungo contenzioso con un nostro ex vicino, per la mia richiesta di riapertura di un breve tratto di “ruderi di strada vicinale”, dismessa da oltre 50 anni (da lui recintata e da me forzatamente riaperta nel 2015), era emerso agli Uffici del Comune di Greve in Chianti che un tratto della strada comunale di via di Mezzano, era interrotta da altro, appartenente a privati. Per questo, la funzionaria comunale preposta voleva interrompere la proprietà comunale declassando la strada da quel punto, fino alla fine del tracciato, per un tratto di oltre un chilometro, che peraltro è il più problematico.

Questo mi avrebbe fatto sentire in colpa con almeno quattro famiglie, che hanno proprietà oltre il nostro cancello, anche se io, riaprendo la strada dismessa, avevo difeso solo un principio irrinunciabile, per il quale ho sempre combattuto anche in Consiglio comunale.

Alle mie rimostranze, unite a quelle dei vicini, mi veniva chiesto di dimostrare quello che io, in tanti anni di vita a Mezzano, ho sempre saputo e cioè che la strada si interrompe con tratti ancora privati in più punti , da circa metà del suo percorso e ad iniziare dalla prima variante ( tutte del 1964), nei pressi del borro del Cocollo.

Quindi se si voleva derubricare, si doveva farlo da li, scontentando molte famiglie e provocando sicuramente qualche ricorso al TAR.

Ammesso e non concesso che si potesse derubricare, da comunale a vicinale, solo una parte del suo percorso.

Pertanto, per provare quanto affermavo, mi assumevo l’onore e l’onere di commissionare il rilievo strumentale della strada a nostro figlio arch. Simone Migno, che rilevava tutto il nastro di asfalto, confermando quello che io avevo già detto alla solerte, quanto gentile funzionaria comunale.

Sicuramente qualcuno di voi avrà notato quei segni di vernice sull’asfalto, che corrispondono ai punti di rilievo strumentale, su circa 4 chilometri di strada.

Per nostra fortuna la mia assicurazione di tutela legale Groupama Arag, dopo qualche perplessità dovuta alla mancanza di atti ufficiali, si assumeva le spese della notula, riaprendo il fascicolo che aveva riguardato il mio ex vicino, dato che il nuovo caso assicurativo era stato generato dal precedente e nel “massimale” c’era ancora capienza per liquidare per la seconda volta il Tecnico, che poi era nostro figlio.

Un particolare ringraziamento alla liquidatrice di ARAG, per l’elasticità mentale dimostrata ( la mia polizza non copre i conflitti con le pubbliche Amministrazioni ) ed al Sindaco Paolo Sottani, che ha seguito personalmente la vicenda, intervenendo più volte e che, dall’alto del suo ruolo, ci è stato di grande aiuto.

Mi auguro che ora, con il grosso del lavoro già fatto, la prossima Amministrazione comunale voglia completarlo, anche con il concorso del mio Tecnico.

Per concludere: il Comune avrebbe abbandonato l’idea di derubricare a vicinale l’ultimo tratto della strada comunale, ma rammentiamoci anche che, qualora lo volesse, potrebbe legalmente farlo per tutta la strada nella sua interezza, come accaduto in altre realtà.

ulteriori informazioni solo a.m. mail :

(perchè sono abbastanza sordo)

gucci40@virgilio.it

Mezzano, Greve 21 /03/2019

Risposta del Sindaco con nota del Tecnico Simone Coccia

lettera-del-sindaco-prot-3364-del-20-02-2019-al-sig-roberto-migno-per-strada-comunale-di-mezzanolettera-di-simone-coccia-al-sindaco-prot-3363-del-20-02-2019-per-strada-comunale-di-mezzano

Lettera al Sindaco per consegna rilievi Strada comunale di Mezzano

scansione-lettera-protocollata-con-allegato

Dieci anni di fotovoltaico

Un impianto, anzi due, per una potenza totale di 13,4 Kwh. Prodotti ed incentivati (con il 2° conto energia), ben  147.263 Kwh, con un rientro di spesa (incentivo €0.38 al kwh),  pari a € 55.960,00 , oltre a € 15.076,00 di  vendite al GSE, per questi primi dieci anni.

Un investimento da €85.000 ( al netto del contributo regionale), conveniente, anche con un mutuo parziale da pagare.

Evitata  anche la dispersione nella atmosfera di  circa 73 tonnellate di Co2 !!!

monitoraggio via web con Solar Log

 

Rimborso ENEL di maxi bolletta

A coloro che insistentemente mi chiedono come è andata a finire la storia della maxi bolletta dei miei amici stranieri, da oltre 2000 euro, voglio dire che i miei rappresentati hanno ottenuto, mio tramite, il completo rimborso di quanto ingiustamente pagato, un ottimo risarcimento danni ed il ristoro delle spese. Come loro delegato e non avvocato, ho fatto un figurone e scrivere 7 raccomandate giocando come il gatto con il topo, è stato un divertimento enorme per me. Non per chi ha sbagliato, perchè un AD di una grande azienda, da me informato, non può permettere errori così gravi dai suoi subordinati. In cambio non ho pubblicato e non pubblicherò tutta la corrispondenza, come avevo minacciato di fare.